• Regola di San Benedetto, Prologo 14-17:

    Quando poi il Signore cerca il suo operaio tra la folla, insiste dicendo: Chi è l'uomo che vuole la vita e arde dal desiderio di vedere giorni felici?.
    Se a queste parole tu risponderai: Io!, Dio replicherà: Se vuoi avere la vita, quella vera ed eterna, guarda la tua lingua dal male e le tue labbra dalla menzogna. Allontanati dall'iniquità, opera il bene, cerca la pace e seguila
  • Regola di San Benedetto, Prologo 14-17:

    Quando poi il Signore cerca il suo operaio tra la folla, insiste dicendo: Chi è l'uomo che vuole la vita e arde dal desiderio di vedere giorni felici?.
    Se a queste parole tu risponderai: Io!, Dio replicherà: Se vuoi avere la vita, quella vera ed eterna, guarda la tua lingua dal male e le tue labbra dalla menzogna. Allontanati dall'iniquità, opera il bene, cerca la pace e seguila
  • Regola di San Benedetto, Prologo 14-17:

    Quando poi il Signore cerca il suo operaio tra la folla, insiste dicendo: Chi è l'uomo che vuole la vita e arde dal desiderio di vedere giorni felici?.
    Se a queste parole tu risponderai: Io!, Dio replicherà: Se vuoi avere la vita, quella vera ed eterna, guarda la tua lingua dal male e le tue labbra dalla menzogna. Allontanati dall'iniquità, opera il bene, cerca la pace e seguila
Eremo di Monte Giove
La comunità monastica, piccolo riflesso della santa chiesa, trasmette esperienza di vita e sapienza spirituale anzitutto con il proprio vissuto.
Vi si è introdotti con un processo di discernimento e di crescita che ha le caratteristiche di una iniziazione attraverso l'esperienza trasmessa da una generazione all'altra e verificata sull'Evangelo.
Comunità Siamo monaci appartenenti alla Congregazione Camaldolese dell'Ordine di San Benedetto

Scopri di più
Ora et labora orienta i giorni del monaco camaldolese, scandisce gli orari e determina gli spazi logistici della comunità.

Scopri di più
Omelia e Meditazione Cerchiamo di porci in ascolto per poterla accogliere e renderla operante in noi

Scopri di più
Liturgia
La comunità monastica di Monte Giove, nei suoi impegni quotidiani, dà il primato assoluto alla Parola di Dio e una preminenza particolare alla liturgia (semplice, calma, serena) intesa come "esercizio del sacerdozio di Cristo" da parte di tutto il popolo di Dio.

Orari di preghiera
Accoglienza degli ospiti

Nello spirito delle Costituzioni della Congregazione, la comunità di Monte Giove offre, nei limiti degli spazi oggi disponibili e delle forze attuali, la possibilità di essere ospitati a coloro che intendono trascorrere qualche giorno all'interno dell'Eremo


  • Luogo prezioso per coltivare lo spirito e la preghiera. Il rumore del silenzio ti accompagna per tutto il tempo ed aiuta a respirare un clima di pace e serenità. Molto interessante approfondire la relazione tra l'architettura dell'edificio e il rapporto aureo. Consigliata la visita e il soggiorno partecipando anche ai momenti di preghiera con la comunità monastica.

  • In questa oasi di pace ci si sono sposati i miei genitori e poi io.. e ci torno ogni volta che ho bisogno di ascoltare il rumore del silenzio.. si perché in questo meraviglioso luogo si riesce a captare una meravigliosa atmosfera che a parole non si sa spiegare bisogna solo farvi visita

  • Luogo di pace e serenità, di silenzi e di meditazione. Di contatti tra Terra e Cielo, di interconnessioni con il tempo e lo spazio infiniti, col Divino presente nel Tutto.

  • Luogo dove il tempo sembra essersi fermato, dove ognuno di noi può riscoprire il proprio cuore sacro, nel silenzio e nell'umile e generosa accoglienza dei monaci che lo abitano.

Scopri come raggiungerci
La condivisione della bellezza
Antica farmacia In tutti i monasteri c’era un hortus sanitatis dove venivano coltivate le piante medicinali, sotto la direzione del monachus infirmarius, un monaco con specifiche funzioni sanitarie, che, sulla base delle informazioni apprese dai libri e dell’esperienza, aveva l’incarico di curare i malati, monaci o pellegrini che fossero.

Scopri di più
Biblioteca La biblioteca è parte integrante dell’ Eremo di Monte Giove, fondato nel 1608 e completato in tutte le sue strutture nel 1627. Con le soppressioni napoleonica prima e del nascente Regno d’ Italia poi, i monaci vengono allontanati, l’ Eremo venduto e la biblioteca dispersa.


Scopri di più
Immergiti nella pace dell’Eremo Scopri la gallery