Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Eremo di Monte Giove
Il Canto dei Santi

 

 
Il colore del vento

 

 
In dialogo con l'India: I luoghi simbolici dell'esperienza interiore

27 - 30 Luglio 2017

Eremo di Montegiove (Fano)

in dialogo con l'india

I LUOGHI SIMBOLICI DELL’ESPERIENZA INTERIORE: IL DESERTO, LA GROTTA, LA CELLA, IL TAPPETINO, LA STRADA

Seminario di yoga, meditazione e preghiera  
Antonia Tronti

Per poter ascoltare più attentamente il richiamo del Divino, l'essere umano ha spesso sentito l'esigenza di uscire dai luoghi dell'ordinarietà e di collocarsi in luoghi più solitari e silenziosi.
I Padri del deserto, gli eremiti nelle grotte, i monaci nelle celle hanno esplorato la possibilità di mettere al centro della propria vita l'incontro con Dio e di sperimentarsi "soli con il Solo".
Ma da allora quei luoghi sono diventati anche simboli interiori, luoghi interni dell'esperienza umana. Il paesaggio spoglio di una mente silenziosa, il raccoglimento nella grotta o nella cella del cuore, sono così diventati luoghi accessibili ai ricercatori di ogni tempo cultura e luogo.
Ad essi possiamo oggi affiancare il tappetino su cui facciamo la nostra esperienza yogica, o la strada, lungo cui reimparare a vedere nel "prossimo" un ulteriore volto del Divino.    

Per iscrizioni e info:  
tel. 0721 86.40.90 This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it  

 
In dialogo con l'India

  1 - 3 Settembre  2017

Eremo di Montegiove (Fano)

in dialogo con l'india

ARIA, TATTO, CUORE

Seminario di yoga, meditazione e preghiera, basato sul centro energetico del cuore.   
Antonia Tronti  

Il cuore è chiaramente il "centro" della persona. 
Luogo di accoglienza, di custodia e di irradiazione dell'Amore incondizionato. "Dio è amore", ci viene detto, e noi siamo chiamati innanzitutto a ricevere e poi ad essere portatori e mediatori di quella dynamis-energia. 
Ma le nostre paure e le nostre chiusure spesso ne limitano e impediscono la libera circolazione. 
Alcune riflessioni evangeliche sul tocco sanante di Gesù e alcune pratiche yogiche sulla riapertura della zona toracico-polmonare possono aiutarci a ritrovare la centralità del cuore e ad esporci all'Amore.  

Per iscrizioni e info:   
tel. 0721 86.40.90 This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it  

 
Giornate di Monte Giove 2017 - II Edizione

 Venerdì 8 - Domenica 10 Settembre  2017
Eremo di Montegiove (Fano)
Giornate di Monte Giove 2017 - II edizione

Quale umano per il terzo millennio?
PRENDERSI CURA:
LA PERSONA – IL TERRITORIO

"Questo è il tempo dei verbi, non dei sostantivi.
Il problema non è la casa, è “ l’abitare”,
il problema non è il lavoro, è “ lavorare”.
Il problema non è la cura, è “ prendersi cura”.
Il problema è educare.
Dobbiamo stare dentro dei verbi che ci fanno stare nel tempo,
non nei sostantivi che ci fanno stare dentro lo spazio.
Perché in quello spazio noi non abbiamo nessun margine di movimento”
(Johnny Dotti)

Interverranno: Marco Ingrosso, Elena Granata,
Ubaldo Cortoni, Isabella Carloni

PREMESSA
Nella scorsa edizione, il saggista Vito Mancuso, sottolineava che o l’essere umano del terzo millennio sarà in grado di “prendersi cura” o non sarà un essere umano!

PERSONA E TERRITORIO
Stimolati da questa affermazione ci è parso opportuno continuare la riflessione della prima edizione delle Giornate di Monte Giove approfondendo il tema del prendersi cura, rivolto alla persona e al territorio.
Persona e territorio sono in stretta correlazione; ogni volta che si assolutizza una delle due si creano disequilibri con gravi ripercussioni sulla vita di tutti;
Al tema del prendersi cura della persona si collega il tema della salute, del limite, del curare, dell’accompagnare, dello stare vicini; che idea di salute portiamo avanti? Se cambia questa idea, come cambiano gli approcci professionali, le strutture, la gestione, il rapporto con la fine?
Il tema del territorio è ora una urgenza, visto anche gli ultimi terremoti del centro italia:
che idea di ricostruzione ci guida? Tutto come era e dove era? Prendersi cura di un territorio, a che cosa può e deve portare?
Da questi e altri interrogativi ci lasceremo guidare, accompagnati dal Prof. Marco Ingrosso, sociologo della
salute dell’Università di Ferrara, e dalla Prof.ssa Elena Granata, Urbanista del Politecnico di Milano;
Concluderà le giornate, con una sorta di sintesi e rilancio Ubaldo Cortoni, monaco camaldolese e teologo.
Sabato sera i partecipanti incontreranno l'attrice-filosofa Isabella Carloni e un altro aspetto del prendersi
cura, quello della dimensione artistica, che attraverso la performance dal vivo e la poesia della voce tocca
soglie invisibili e altre modalità di abitare il tempo.
Infine, cercando di coinvolgere i partecipanti in tutta la loro integrità, durante le giornate, saremo stimolati a
vari livelli:
- Risveglio energetico all’inizio delle giornate
- Cena del sabato: degustazione guidata di alcuni prodotti tipici italiani.

SPIRITUALITà DEL PRENDERSI CURA
Nel Genesi, Dio “pose l’essere umano nel giardino perché lo coltivasse e lo custodisse”;
La persona e il territorio sono due possibili declinazioni di quel giardino nel quale ogni essere umano è posto. A questo comando siamo chiamati a dare concretezza per il nostro tempo.


GIORNATE DI MONTE GIOVE 2017

Venerdì 8 Settembre 2017
Dalle 16 alle 18: Arrivi
Ore 18,30: Preghiera del Vespro
Ore 19,15: Cena
Ore 21,00: Introduzione alle Giornate, Natale Brescianini e Massimo Mag

Sabato 9 Settembre 2017
Ore 06,45: Risveglio muscolare
Ore 07,30: Preghiera delle Lodi
Ore 08,15: Colazione
Ore 09.00-11.30: “La Persona” Marco Ingrosso Università di Ferrara – Riflessione e dibattito
Ore 12.00: Preghiera di Ora Media
Ore 12,30: Pranzo
Ore 15,00 – 17.30 : “Il Territorio: Relazioni e legami tra persone e luoghi” Elena Granata,
Politecnico di Milano – Riflessione e dibattito
Ore 18,00: “La cura invisibile - trame tenute per mano” Isabella Carloni, filosofa artista
Ore 20,00: Cena degustazione

Domenica 10 Settembre 2017
Ore 06,45: Risveglio muscolare
Ore 07,30: Preghiera delle Lodi
Ore 08,15: Colazione
Ore 08.45- 09.30: Ripresa: Ubaldo Cortoni
Ore 10,00: Celebrazione Eucaristica
Ore 11,15: Rilancio: Ubaldo Cortoni
Ore 12,30: Pranzo
Partenze nel pomeriggio.

 

Per info e prenotazioni: Padre Marino 0721 864090 – 3403804105 – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 

 

 

 
Omelia La Trinità

Domenica 11 Giugno

Eremo di Montegiove (Fano)

Omelia - la trinità 

Gv 3, 16 - 18

La celebrazione del dogma della Trinità potrebbe sembrare celebrazione di una astrazione, lontana e inavvicinabile, estranea alla vita. Ma se facciamo attenzione ai passi della Scrittura che la liturgia ci propone oggi, vediamo che il mistero dogmatico si trasforma nel mistero del Dio che passa avanti e dentro  la vita dell’uomo, rivelando il mistero del vivere umano che affonda le sue radici originarie nel principio creatore che è relazione e legame.       

Parlare di un solo Dio in tre persone significa infatti parlare di comunione e non di solitudine. Significa parlare di un movi­mento d'amore senza inizio e senza fine, significa parlare di reciprocità e di scambio. Dio crea l’adam, l’umano, a sua immagine e somiglianza, ma l’immagine modello della creazione è quella della relazione che c’è tra il Padre, il Logos e lo Spirito.   

Read more...